lunedì 8 ottobre 2007

Ecco chi è il traditore che ha ideato l'agguato "Ballarò-Anno Zero" per Mastella




Mi ha stupito il fatto che non vi sia stato alcun media che abbia dato l'interpretazione esatta, a mio parere, al cd "agguato Ballarò-Anno Zero" per il Ministro di Giustizia.Ebbene il coro unanime ha sentenziato che sarebbe stato ,per esempio, il cambiamento di rotta del Sig. Santoro Michele a determinare un inedito attacco ad un componente del csx.E' davvero così? Si da il caso che sembra (ma è tutto da dimostrare) che Mastella negli ultimi tempi strizzasse l'occhio a Barlusconi ed al centrodestra.Ed allora Vi do la mia analisi fuori dal coro:l'agguato a Mastella sarebbe stato ideato dalla stessa sinistra.Vi chiederete il perchè.Distruggere l'immagine di Mastella (e quindi dell'UDEUR) è condizione essenziale perchè Mastella non si sganci dalla maggioranza.Pensateci:se l'UDEUR andasse al voto adesso ,quanti voti prenderebbe?Pochissimi.Ergo Mastella è costretto adesso a far sopravvivvere il Governo il più possibile per far passare questo momento devastante per lui e per il suo partito.Gli analisti della politica, ma anche i consueti sprovveduti politici di cdx, hanno pensato ad una resipiscenza transeunte di Santoro e company.Eh no è un attacco, assai strategico, della sinistra al centro della propria alleanza.Santoro e Floris sarebbero i "killer mediatici" di Mastella.Tutto chiaro adesso? La messinscena di parte della sinistra che sbugiarda Santoro a mezzo stampa farebbe parte del piano d'attacco,intelligentissimo e fuorviante, come è d'uopo, della sinistra.La destra, che di strategie politiche ne ha davvero capito sempre poco,ancora avrà bisogno di qualche mese per comprendere il tutto.Nel frattempo il Governo avrebbe guadagnato il primo supporter (Mastella) e il centrodestra avrebbe perso l'ennessima possibilità di far staccare un alleato dal csx.

7 commenti:

clemente mastella ha detto...

tu non sei controcorrente!
speriamo ti muoia la mamma

Anonimo ha detto...

Sono Cesare Alemanno, cittadino italiano di anni 47, elettore di sinistra, un cittadino comune che si è rotto il cazzo dei vari psico nani e corte di prodi (che purtroppo ho sempre votato anche nelle primarie) e ancora di piu' dei tipi come mastella e sopratutto come te, che sicuramente o sei pagto dal suddetto o sei uno che fa parte degli apparati...quindi un altro pezzo di merda da eliminare.....voi con la nostra rabbia state scherzando..ma presto ve ne accorgerete.
Ho visto uesto tuo blog..non ti cAGA NESSUNO E NON LO FARò MIA PIù NEANCH'IO MI FAI PENA.
cON DISPREZZO

geronimo ha detto...

pienamente d'accordo... ti riporto un pensiero postato sul mio blog
http://leopinionidigeronimo.blogspot.com/

Personalmente diffido dei telepredicatori e dei disfattisti che fanculizzano tutto e tutti fornendo come alternativa il nulla.
Quando vedo uno con condanne penali che si scaglia contro i pregiudicati in Parlamento o un giornalista che parla di una casta cui lui non deve essere proprio estraneo per aver fatto cotanta carriera, mi rendo conto che ci troviamo nuovamente in quella situazione falsamente inquisitoria che ha prodotto quella barbarie chiamata Tangentopoli.
La definisco una barbarie perché, come scrive Carlo Giovanardi nel suo bellissimo libro "Storie di straordinaria ingiustizia, arrestati, infangati e prosciolti", l’80 % dei politici del pentapartito (Dc-Psi-Psdi-Pri-Pli e guarda caso non del Pci) incappati nel ciclone di Mani Pulite, sono stati assolti dopo essere stati distrutti dal punto di vista morale, familiare e politico.
Quando si crea un clima di questo genere, non c’è mai la serenità per fare una seria analisi delle criticità ma si finisce quasi sempre per instaurare la legge del taglione e la dittatura di chi urla e fanculizza di più.
Intendiamoci, non mi sognerei mai di proclamare il dogma della verginità della politica ma mi rendo conto che i privilegi degli Onorevoli ci sono sempre stati ( e per una sorta di deferente rispetto per le Istituzioni Patrie di cui dovrebbero essere degni rappresentanti li giudico in parte giusti) ma oggi vengono mal sopportati per l’immobile, truffaldina e spocchiosa incompetenza che questi dimostrano nel fingere di interessarsi ai problemi della gente.
Il vero problema è l’assenza della Politica vera e non le velleità golpiste di certi saltimbanchi.
I nostri politici sono superficiali ed incapaci di analizzare a fondo i problemi del Paese, di elaborare risposte adeguate, di andare oltre la battutina ad effetto o lo slogan recitato in tv con l’espressività dello scolaretto che dice la poesia.
Pensano che la politica consista nell’andare da Vespa o da Mentana a fingere di inalberarsi per le affermazioni del contendente cercando di coprire con urla alla Platinette il già povero ragionamento dell’avversario … in poche parole non sanno come si fa girare la macchina dello Stato e cercano di sopperire con il presenzialismo e la logorrea comunicativa.
Il giochetto, essendo tale, dopo un po’ finisce e se non ci sono contenuti politici la gente si stanca della Politica fatta a Buona Domenica e reclama risposte.
Ma perché la politica non fornisce soluzioni?
Ci sarebbero una moltitudine di cause a spiegare tale situazione.
Probabilmente Tangentopoli ha sancito la scomparsa prematura di una classe politica che non ha avuto il tempo di selezionarne una nuova facendo piazza pulita di gente che, tra mille difetti, aveva il pregio di conoscere bene il funzionamento delle leve da utilizzare per avviare la macchina dello Stato.
Sicuramente il Pentapartito ha avuto la grave colpa di accumulare un debito pubblico che rende ingestibile il nostro Paese ma è inaccettabile che l’Italia pretenda risposte da Pallaro, Cosimo Mele, Turigliatto, Schifani, Pecoraro Scanio (Conveniunt rebus nomina saepe suis che tradotto in italiano: Spesso i nomi sono adatti alle cose cui appartengono), Santagata, Rutelli o Calderoli.
Un’altra causa risiede nel fatto che ormai la politica non si rivolge più alla gente nella ricerca del consenso ma cerca apparentamenti con lobbies in grado di coagulare consensi e contributi economici divenendone schiava… ed in questo anche noi cittadini ci lasciamo strumentalizzare da centri di potere nella speranza di ottenere qualcosa in cambio non comportandoci meglio dei politici che definiamo corrotti..
In uno scenario in cui c’è la totale assenza di valori sia tra gli elettori che tra gli eletti si inseriscono a mò di sciacalli i paladini dell’antipolitica che al grido costruttivo ed edificante di andatetuttiaffanculo non favoriscono un’analisi attenta e costruttiva ma tirano fuori la parte più becera e forcaiola che risiede nell’ animo di ognuno di noi.
Sia ben chiaro che anche Grillo ha la sua buona dose di ragioni ed infatti molte delle cose che dice sono largamente condivisibili ( gli sprechi, il malaffare, l’incapacità della classe dirigente).
Certo nella foga retorica e forcaiola dice anche cose meno condivisibili tra cui mi piace ricordare il doppio mandato e l’ineleggibilità dei pregiudicati.
Sono contrario al doppio mandato perché se ci fosse un turnover ogni dieci anni ci troveremmo quotidianamente ad affidare le nostre sorti ai neofiti della politica mentre sarebbe opportuno che tale compito fosse affidato a chi ci capisce; non amo questo nuovismo stupidino.
Avremmo mai conosciuto le capacità di De Gasperi, Almirante, Berlinguer, Remo Gaspari, Andreotti, Spadolini ecc se fossero stati mandati a casa dopo due mandati?
Sull’ineleggibilità dei pregiudicati, rivendico ( da incensurato) il diritto dei cittadini di scegliersi i rappresentanti indipendentemente dalle condanne.
Poi la vedo una cosa pericolosa perché, con i tempi che corrono, l’arma giudiziaria potrebbe essere usata per eliminare l’avversario politico.
E poi dove sono le alternative allo stato attuale delle cose che questi paladini dell’antipolitica propongono? Mi pare che facciano solo tanta demagogia-
Un’ultima parola la voglio dire su quello che oggi appare come il capro espiatorio della casta: Clemente Mastella.
Personalmente mi è simpatico, mi sembra il più ragionevole nell’attuale maggioranza ma a mio avviso si è fatto inspiegabilmente strumentalizzare dai suoi alleati.
In un Paese in cui Lidia Menapace vuole abolire le Frecce Tricolore e poi usa voli militari per spostarsi da Roma a Lecce, in un Paese in cui Bertinotti pensa di aver moralizzato il Palazzo portando il costo del barbiere della Camera dei Deputati da 8 a 15 euro, in un Paese in cui Follini incassa i voti a destra e li porta a sinistra, in un Paese in cui i leaders conservatori parlano della famiglia e sono tutti divorziati, nel Pese del dalemiano “ dai Consorte facci sognare” e del Fassiniano “ abbiamo una banca?”, ma quali volete siano le particolari colpe del Clemente nazionale?
Gramsci teorizzava di occupare le casematte del potere al fine di ottenere un consenso forte e duraturo.
Peccato che l’attuale sinistra, non essendo all’altezza dei comunisti di un tempo, ha perso il totale controllo dei saltimbanchi e musici foraggiati per anni i quali hanno pensato bene di mettersi in proprio e di farsi largo anche a danno dei propri mecenati.
La casta dei giornalisti invece, per ovvie ragion di stipendio, è rimasta fedele alla parte politica da cui bene o male dipende.
Siccome anche i buffoni hanno un’etica, i vari Grillo e Guzzanti, non se la sono proprio sentita di risparmiare frecciate all’attuale maggioranza che vive tale attacco come un dramma in quanto non abituata a campagne medianiche i denigratorie.
Capisco anche che quando per anni ti presenti come chi incarna la parte eticamente e geneticamente migliore dell’Italia non deve essere facile riscoprirti dipinto a fare affari come un volgare appartenente alla CDL e ad amministrare la Cosa Pubblica come Cuffaro qualsiasi.
Però devi anche capire che chi oggi ti attacca dipingendoti in quel modo, è un prodotto disorientato ed imbufalito del superomismo che tu hai predicato per anni… è un mostro che hai creato tu dirigente della sinistra.
Allora qual è il modo migliore per evitare che questo fiume di … detriti.. ti sommerga?
Massìììì facciamo dire ai nostri sodali giornalisti che è tutta colpa di quel porco di Mastella!!!
E allora chissenefrega se l’indulto lo ha votato l’82% dei Parlamentari: è colpa di Mastella.
Chissenefrega se in affittopoli ed in svendopoli sono coinvolti tutti: è Mastella che ha arraffato gli appartamenti.
Chissenefrega se sul famosissimo aereo di Stato c’erano Mastella e figlio, Rutelli e famiglia, Lusetti e famiglia: è il solito Mastella.
Chissenefrega se le mogli di molti politici hanno posti nel palazzo: è la Signora Mastella il vero scandalo!!!
L’unico dubbio che mi attanaglia è il seguente: ma perchè Mastella (che non è certo nato ieri) non si sottrae a questo abbraccio mortale?
Ma davvero un Ministero vale l’annientamento politico?

i politici non conoscono vergogna ha detto...

Ma tu ci fai o ci sei?...e poi ti arroghi il diritto di portare la verità?...da quale pulpito?...

La tua "verità" fa acqua da tutte le parti, a partire dal fatto che si potrebbe invece pensare questo: non sarebbe più probabile che Mastella tenga sotto scacco la maggioranza dall'alto del suo misero 0,(qualcosa%)? la storia di Mastella è davanti a tutti noi a testimoniarlo(prima a destra poi a sinistra poi a destra poi a sisnistra...ma insomma si decide? da che parte sta?...ovvio dalla parte dei suoi interessi!). Inoltre, il fatto che la sinistra lo attacchi(a Mastella) tramite Santoro e Floris non regge nemmeno 1 secondo. Così facendo la sinistra non farebbe altro che mandare a scatafascio la maggioranza inducendo Mastella a provocare una crisi di governo se non mandarlo direttamente a casa(tanto poi lui un altro accasamento lo troverà; su questo non ci piove); e tu pensi che la sinistra abbia deciso per una eventualtà del genere? voglia rischiare, attaccando Mastella, di perdere il potere, le poltrone? Ma quando mai!...A me risulta il contrario e cioè proprio che gli esponenti del centro sinistra siano accorsi in soccorso del "nostro" Mastella. semmai è più probabile che Santoro e Floris abbiano fatto delle trasmissioni sulla scia dello sconcerto e dello scandalo che si sta diffondendo in tutta Italia andando contro anche a quelli che erano i loro punti di riferimento(centro sinistra) dai quali si sono sentiti traditi in questo poco più un anno di governo(ed anche su questo non mancano testimonianze).

Non regge nemmeno la tua analisi sul fatto che Mastella non voglia andare ad elezioni perchè perderebbe voti. Ma ne sei davvero sicuro? Mastella, che si vada a votare domani, in primavera o a nuova legislatura prenderebbe sempre gli stessi voti, ovvero quello 0,(qualcosa)%, ovverosia quello dei suoi parenti, amici, e favoriti. Ecco perchè per lui è indifferente stare con la destra o con la sinistra, per mastella l'importante è condizionare con quel suo 0,(qualcosa)% la politica del governo, almeno per quella piccola parte che gli torna in conto.

Comunque meno male che ci sei tu che vieni ad aprirci gli occhi ed a illuminarci su quella che è la realtà e il modo di andare delle cose in questo paese.
Però mi chiedo: ma è possibile che oggi ci sia qualcuno che crede ancora in Mastella(a parte parenti, amici e favoriti s'intende?).
Per cui, come direbbe il buon Travaglio, delle due l'una: o tu sei uno di questi oppure, anzichè essere fuori dal coro sei fuori di testa.

Auguri...

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

rispondo
non sono pagato
dico solo quello che credo senza seguire necessariamente il gregge

ribadisco quello che ho detto:
in più:
Mastella non ha solo voti clientelari e comunque anche se avesse solo quelli e cadesse in disgrazia come potrebbe soddisfare le clientele?
Mastella va a dx (una volta sola) o a sx (quasi sempre) perchè è il centro e il centro si schiera a seconda dei casi con il cdx o csx

Anonimo ha detto...

Disgustoso.

AvvocatoDelDiavolo ha detto...

rispondere nel merito no?
sai dire solo disgustoso?